STRESS&ERBE AMICHE

04.07.2018

Sebbene non esista un'unica definizione universalmente accettata di "stress", sembra che non ce ne sia carenza. Le pressioni percepite e le loro risposte fisiche e psicologiche associate sono pervasive nella cultura di oggi, insieme ai livelli sempre più elevati di cortisolo. 

Secondo un sondaggio del 2017 dell'American Psychological Association, l'80 percento degli americani ha sperimentato almeno un sintomo fisico o emotivo di stress nel mese precedente, come mal di testa (34 percento), senso di sopraffazione (33 percento), nervosismo o ansia ( 33 percento) e depressione (32 percento).

Gli adulti di oggi hanno maggiori probabilità di riconoscere la connessione tra stress, salute fisica e mentale rispetto agli anni precedenti ed il 36 % identifica il bisogno di una riduzione dello stress come una priorità personale. Per questo motivo esiste una miriade di trattamenti anti-ansia in incremento, tra cui la terapia comportamentale, i farmaci e terapie olistiche o semplici massaggi rilassanti nei centri del benessere.

Tra le terapie naturali ufficialmente utilizzate, sia da chi pratica medicina tradizionale, omeopatica o allopatica, quelle che prevedono l'utilizzo di piante adattogene sono in incremento.

L'uso di erbe è il metodo più antico che la medicina cinese orientale e Ayurveda da quasi 4000 anni utilizzano. Tuttavia, la nozione secondo cui alcune piante erbacee possono aiutare ad alleviare lo stress cronico esiste da circa 60 anni anche nella medicina occidentale, quando la ricerca scientifica definì gli adattogeni come composti non tossici, con meccanismi di azione ed effetti farmacologici legati all'adattabilità e alla sopravvivenza umana ed animale.

La teoria è che i composti adattogeni influenzino diversi mediatori chiave della risposta adattiva allo stress sia all'interno che all'esterno delle cellule, avendo così uno spettro più ampio di azione rispetto ai farmaci tradizionali che hanno come target un sintomo o una malattia. Ad esempio, gli adattogeni sono caratterizzati come eustressori, o "buoni fattori di stress", che inducono risposte di protezione dallo stress. Stimolando l'espressione e il rilascio dei mediatori della risposta adattiva allo stress, gli adattogeni possono contribuire ad aumentare la tolleranza del corpo allo stress. Con lo stress cronico legato a effetti avversi sulla salute come disfunzioni cognitive, emotive e comportamentali, oltre a un aumento dell'infiammazione nel corpo che potenzialmente porta a malattie cardiovascolari, diabete, cancro, sindromi autoimmuni e malattie mentali, alleviare o limitare lo stress in corso e la salute a lungo termine in generale. È qui che le piante adattogene possono giocare un ruolo terapeutico, in quanto sono state trovate per normalizzare cortisolo e corticosterone cronicamente aumentati - ormoni dello stress che sono stati collegati a ansia, depressione, disturbi digestivi e altri problemi di stress cronico.

Tuttavia, il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa del National Institutes of Health sottolinea la cautela nell'usare rimedi erboristici a causa di prove scientifiche limitate. Attualmente, ci sono circa 70 piante di erbe citate in letteratura con proprietà adattogene, tra cui ginseng, Rhodiola Rosea, la radice di maca e la Moringa Oleifera. Quest'ultima erba dal gusto pepato viene utilizzata in piatti saltati in padella e zuppe piccanti per la sua composizione proteica (di tutti gli aminoacidi essenziali) e come trattamento per una serie di condizioni tra cui ansia, asma, diarrea, febbre, artrite, malattie degli occhi e indigestione. La Moringa Oleifera è utilizzata da millenni a tale scopo e sempre più in laboratorio per sperimentazioni oncologiche specifiche. Studi in vitro su animali ed in vivo sull'uomo rivelano che quest'ultima pianta può avere azioni terapeutiche, inclusi effetti adattogeni, antimicrobici, antinfiammatori, cardio-protettivi e immunomodulatori.

Tornando al discorso più generale di piante adattogene per la terapia dello stress, una revisione del 2017 nella rivista Complementary and Alternative Medicine basata sull'evidenza ha esaminato 24 studi per valutare l'efficacia clinica e la sicurezza di piante adattogene, e ha dimostrato esiti clinici positivi senza effetti negativi le piante elencate. Questi risultati hanno dimostrato essere coadiuvanti nel rafforzare l'efficacia anche di trattamenti di patologie croniche il diabete, o complesse come la sindrome metabolica o psicologiche come quelle derivate da stress psicologico. Il database completo di Natural Medicine elenca tantissime piante come sicure. Altre nuove ricerche preliminari sull'efficacia nel ridurre l'ansia, il controllo dello zucchero nel sangue e la diminuzione dei sintomi di stress sono in corso per offrire sempre più dettagli su dosaggi, somministrazioni e successo terapeutico. Alcuni di questi riguardano, per esempio, il Ginseng indiano, un'erba adattogena della radice di Ashwagandha prende il nome dal suo aroma. In uno studio del 2012 sulla sicurezza e l'efficacia della radice di Ashwagandha per ridurre lo stress e l'ansia negli adulti, i partecipanti che hanno prelevato 300 milligrammi di un estratto ad alta concentrazione di radice di Ashwagandha due volte al giorno per 60 giorni hanno sperimentato una significativa riduzione dello stress e livelli di cortisolo. Non sono stati riportati effetti collaterali gravi e i ricercatori hanno concluso che questa radice possa essere utilizzata in modo sicuro ed efficacemente nel migliorato la resistenza allo stress e per il miglioramento della qualità di vita. Sebbene la ricerca umana disponibile sugli adattogeni mostri il potenziale per alleviare i sintomi associati allo stress, sono necessari ulteriori studi per determinare la loro efficacia e la gamma di interazioni tra adattogeni e percorsi di risposta allo stress nel prevenire lo stress cronico e le malattie legate all'età - così come il loro ruolo in recupero esercizio valutati nella medicina dello sport o aerospaziale. Insomma, escludendo astronauti ed atleti di alcune discipline sportivi, tutti gli altri possono già utilizzare queste piante con o senza interazione farmaceutica. Come sempre, è necessaria un'approfondita valutazione della salute e dello stato nutrizionale ed idratativo e quindi il "fai da te" è decisamente da evitare. I dosaggi di integratori in commercio sono limitati, per evitare sovraposaggi e conseguenze negative. Quindi, per avere un valido aiuto contro lo stress potete trovarlo anche in natura… ma con uno Specialista.

Dr.ssa Grazia Sardanu

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Ogni volta che si distingue per concetto divento perplessa. Ecco perchè oggi, giornata contro la violenza sulle donne, vorrei celebrare la non violenza di qualsiasi tipo. Perchè non importa il genere, si chiama sempre violenza.

Siamo lieti di aiutare il ritorno in sicurezza degli iscritti all'Accademia Ucraina di Balletto e all'Istituto Le Marcelline di Quadronno. Oggi, dalle 8.45 alle 16 effettueremo test di screening Covid-19 pre-ingresso ai convitti.

Siamo rimasti chiusi, limitando i contatti. Ma appena lasciamo la nostra "isola felice", è necessario adottare comportamenti idonei e a basso rischio di contagio.