SAPORI ITALIANI 

16.07.2020

Questo è il periodo per noi italiani di sfoggiare sulle tavole sempre più prodotti tipici nostrani: formaggi, affettati, paste fredde e salse. Il problema è che incrementiamo, senza volerlo, grassi e sale. Tralasciamo l'analisi del contenuto di grassi nelle varie pietanze e soffermiamoci solo sul sodio. 

Qual è il trucco per non rinunciare ai nostri piatti estivi?

Consumiamo tutti sempre più sodio e questo comporta non solo cellulite ma anche patologie più serie come ipertensione, infarto e ictus. Tra i 12 fattori di rischio metabolici, dietetici e di vita modificabili e valutabili, fumo e ipertensione rappresentano la principale causa di morte nel mondo. 

Insomma, una prima risposta potrebbe essere: smettete di fumare e godetevi i piaceri della tavola! 

Ma non è solo il fumo. Il sodio è assunto sempre in maggior quantità grazie all'aumento di consumo di alimenti altamente processati: paste e zuppe "già pronte" e di affettati e formaggi. Mentre gli ultimi due sappiamo contenere elevate quantità di sali e grassi e quindi già li moderiamo, i primi vengono percepiti some salutari, grazie al marketing sulle confezioni ed al ricordo dei piatti casarecci.

Sarà per questo che noi italiani stiamo diventando obesi e malati? 

Le Linee Guida sulla Nutrizione del 2005 (per gli americani, che sappiamo mangiare in modo molto diverso da noi!) raccomandano che gli adulti sani limitino il consumo di sodio a 2.300 mg / giorno = 5,84 g di cloruro di sodio = 1 cucchiaino di sale da cucina; mentre che gli individui con ipertensione, adulti di mezza età e anziani limitino consumo a 1.500 mg di sodio al giorno! 

Insomma, ripensando ai piatti della nostra tradizione, il dubbio che mi viene in mente è che abbiamo incrementato, pensandoli sani, alimenti industriali dannosi. 

Esistono delle Strategie per ridurre l'assunzione di sodio? Certo!  

Limitare panini, piatti gratinati, pizza, perché contribuiscono quasi alla metà (44%) del sodio totale degli alimenti, affettati (che, rispetto ad una bistecca, hanno proprietà nutritive scarse) e formaggi e uova.


La mozzarella della nonna

Chi di voi non ha avuto una nonna che, a dieta, sceglieva la mozzarella come formaggio "magro"? 

Forse è ora di dire alla nonna che non esistono formaggi "magri" ma solo contenenti più o meno grassi. Il problema è: quanto sodio contengono?

Il tipico contenuto di sodio dei formaggi più popolari

Mozzarella in media 512 mg / 100 g;

Formaggi di sodio più alti (da 980 a 1.375 mg di sodio / 100 g di formaggio) comprendono pecorino, parmigiano, feta greca.

L'errore tipico italiano è il condimento. Quante volte alla settimana aggiungiamo formaggio grattugiato sulla pasta? e in quale quantità?

In particolare i nostri figli, che per peso ed età assumono alimenti ricchissimi di sodio… non solo dalle nostre tavole.

AFFETTATI

Il tipico piatto estivo è: prosciutto e melone. Come hanno fatto a sopravvivere i nostri antenati mangiando alimenti così poco salutari? Mangiandone pochi! Aprite il vostro frigo. Cosa trovate tutto l'anno? formaggi ed affettati sostituiscono sempre più i pasti di noi italiani. Non è certo questa la nostra cucina tradizionali. Il problema quindi è l'abuso di alcuni alimenti, per pigrizia.


Quindi, è importante capire che alcuni alimenti della nostra tradizione sono da consumare con estrema parsimonia (ridotta frequenza e porzione) ma ricordatevi anche di fare attenzione a tutti gli alimenti "già pronti"... Vegani e Biologici compresi (anche loro contengono conservanti e stabilizzanti). A onor del vero, non è solo l'alimento in sé, ma anche la frequenza a determinare danni. Se tutti i giorni consumate un alimento "già pronto" ovvero altamente processato, non state mangiando sano; neppure se è biologico. 

Impariamo a riempire il carrello con alimenti freschi e poco trasformati industrialmente.. altrimenti rischiamo di perdere le nostre tradizioni ed ammalarci anche prima! 

Dr.ssa Grazia Sardanu
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...