Pelle&Nutrizione

02.04.2019

Con la primavera passiamo più tempo all'aria aperta, scopriamo la pelle e le sue imperfezioni. Al di la delle solite carote cotte, quali alimenti possono aiutarci?

Ecco i 10 alimenti per una pelle perfetta









CURCUMA Questa radice arancione fa parte della famiglia dello zenzero ed è ricchissima di antiossidanti (necessari per una pelle luminosa e sana) e antinfiammatori (aiutano a guarire e lenire le riacutizzazioni e le sensibilità cutanee). Potete usare questa spezia, dal gusto gradevole, per accompagnare piatti di pesce, carne, cereali e amidacee.

CEREALI INTEGRALI a meno che voi non abbiate una malattia celiaca o una ipersensibilità alimentare specifica, potete incrementare cereali integrali nella vostra dieta. Sono infatti un'ottima fonte di vitamine ( per es. le vitamine del gruppo B) e minerali ( selenio, magnesio e zinco), che svolgono un ruolo importante nel proteggere la pelle dai danni ambientali, favorendo l'elasticità e prevenendo le rughe. Per una carnagione luminosa, mangiateli regolarmente!

POMODORI contengono licopene, un composto che conferisce ai frutti rossi e alle verdure il loro tipico colore. L'effetto è quello di combattere i radicali liberi ed i danni da radiazioni solari. E' estremamente consigliato per chiunque abbia problemi di pigmentazione o ipersensibilità alla luce.

PESCE Ricco di acidi grassi essenziali (EFA), come omega-3 e omega-6. Gli EFA aiutano a ridurre l'infiammazione che a loro volta prevengono i "pori ostruiti" o punti neri. Salmone, sgombro e tonno contengono le quantità più elevate di EFA. Il pesce contiene anche vitamine (B ed E) e minerali (come lo zinco) che "riparano" i danni cellulari.

NOCI E MANDORLE Ricche di minerali, proteine ​​e acidi grassi essenziali - tutti nutrienti importanti per promuovere il benessere della pelle. Riducono l'infiammazione e il gonfiore, in particolare in caso di psoriasi ed eczema. Gli alti livelli di selenio e vitamina E contenuti in essi, riparano i danni cutanei e hanno qualità anti-batteriche.

CACAO I chicchi di cacao, hanno livelli estremamente alti di antiossidanti, minerali e vitamine; tutti ottimi per la pelle. Non vi stiamo suggerendo di abbuffarvi con barrette di cioccolato bensì di aggiungere qualche cucchiaio di polvere di cacao ai tuoi frullati o alle bevande calde. Ricordate che il latte vegetale è il suo miglior solvente.

ACAI Questo frutto rosso-porpora viene pubblicizzato come un superalimento grazie alle sue potenti proprietà antiossidanti. L'albero di acai cresce in Amazzonia, e il suo delizioso frutto può aiutare a prevenire l'acne eliminando i radicali liberi e le "vampate di calore" in pre-menopausa. Inoltre, vanta una forte componente anti-invecchiamento e anti-disidratazione.

UOVA contengono aminoacidi essenziali che favoriscono la crescita delle cellule epidermiche e possono aiutare a rafforzarne l'elasticità. Le uova forniscono anche altri importanti componenti come la vitamina D, che favorisce il ricambio cellulare, ed il ferro che ne aumenta l'ossigenazione.

CAVOLI questo ortaggio a foglia verde è più nutriente di broccoli, cavoli e spinaci. Il contenuto di beta-carotene è particolarmente alto ed utile per soggetti con pelle a tendenza acneica. L'alto contenuto di vitamina C, potenzia il collagene epidermico, mentre il rame stimola la sintesi di melanina (il pigmento che protegge dai danni del sole). Noto fin dai tempi antichi perché utilizzato come impacchi caldi in soggetti con edemi o dolori reumatici.

SEMI DI CHIA I semi di chia sono ricchi di acidi grassi omega-3, il che significa che sono un modo fantastico per il tuo corpo per ripristinare l'idratazione cutanee, mantenendo la pelle liscia ed elastica. Questi piccoli semi contengono una dose di vitamina E, un potente antiossidante che può aiutare a ridurre il rossore o la couperose. Lo zinco in essi contenuto, infine, gioca un ruolo importante nella prevenzione dell'acne.

Ricordate che, oltre alle Sostanze Essenziali, l'idratazione gioca un ruolo fondamentale per una splendida pelle. Prima di tutto l'idratazione deve essere costante, ogni ora. In questo modo la pelle potrà mettere in atto tutti i processi fisiologici che le competono: sudare per abbassare la temperatura; regolare l'elasticità. 

Inoltre, potete già da questo mese utilizzare alimenti ricchi di beta-carotene. Ma qual è la dose consigliata?

Fino a 6 mesi = 400 microgrammi al giorno;

Da 1 a 3 anni= 300 microgrammi al giorno;

Dai 4 agli 8 anni= 400 microgrammi al giorno;

Fino a 12 anni, 500 microgrammi al giorno;

Ragazze sotto i 14 anni ed anziani sopra i 70 anni= 700 microgrammi al giorno;

Uomini e donne adulti= 900 microgrammi al giorno.

E' davvero così difficile integrare? Vediamo quali alimenti contengono più betacarotene


Carote, cotte per pochissimo = 8332 microgrammi In 100 g di alimento;

Spinaci (crudi o estratti) = 6288 microg in 100 g;

Lattuga romana = 5226 microg  in 100g;

Zucca cotta (specie Cucurbita) = 4570 microg. In 100 g;

Albicocche esiccate= 2163 microg in 100

Melone = 2020 microgrammi in 100g;

Peperoni rossi = 1220 microg in 100g;

Piselli (saltati) = 1250 microg in 100;

Broccoli (cotti) = 929 microgrammi in 100.

Dai dati risulta che non è così difficile implementare la dose di betacarotene giornaliera! Ricordate che, come abbiamo indicato, alcuni alimenti devono essere cotti per pochissimo tempo, in modo che il beta-carotene contenuto in essi, possa essere assorbito facilmente. Utilizzate sempre dell'olio d'oliva extravergine come condimento, in modo da favorire l'assorbimento del Beta-carotene e delle vitamine liposolubili. Per esempio, la Vitamina A, fondamentale per convertire il betacarotene in retinolo, utile per occhi, pelle, ossa e problematiche riproduttive. Inoltre, integrate sempre Vitamina C, zinco e Vitamina E per ottenere il massimo risultato dall'assorbimento.

Chi e perchè dovrebbe assumere betacarotene in integrazione sintetica? Soggetti con problematiche di fotosensibilità.

Chi non deve supplementare mai sinteticamente? Fumatori e persone che hanno subito recentemente un intervento di angioplastica perché aumentano la probabilità di cancro.

Ricordate infine che, il dosaggio di betacarotene negli integratori è elevatissivo: tra i 15 ed i 50 mg! In caso di sovradosaggio, gli effetti collaterali sono: perdita di appetito, dolore alle ossa, diarrea, vertigini, mal di testa, mestruazioni irregolari, danni al fegato, nausea, scarsa coordinazione muscolare, stanchezza, osteoporosi, prurito e perdita dei capelli, oltre all'orribile colore giallognolo della pelle. Insomma, non ne vale la pena!

Dr.ssa Grazia Sardanu.

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...

Mai come in questo periodo storico è importante prepararci all'autunno, rafforzare le nostre difese immunitarie, "ripulire" corpo ed ambiente.