MICROONDE. LE REGOLE DA SEGUIRE

24.04.2020


Non si può negare che il microonde ha conquistato in pochi anni tutte le cucine, occupando un suo posto stabile, tanto quanto il forno tradizionale. Esistono però delle regole da seguire.


1- igiene- pulire ogni spazio per evitare incrostazione. E' possibile utilizzare bicarbonato e aceto di vino bianco. 


2- cottura- la cottura deve essere eseguita in modo da ledere il meno possibile le proprietà degli alimenti. Ahimè però, non tutto si può evitare. Infatti, nonostante i recipienti schermanti, le vitamine vengono necessariamente lese. Evitate quindi di cuocere verdure o legumi.


3- schermatura- il laser che attiva il processo di cottura è lesivo per gli occhi. Ecco perché il vetro è schermato da una pellicola nera. Prestate attenzione all'integrità della pellicola ed evitate comunque di fissare l'interno del forno durante la cottura. 


4- riposo- il tempo di riposo di qualsiasi alimento cotto col metodo delle microonde è un concetto importantissimo. Il calcolo può essere riassunto così: ogni minuto di cottura necessita di 1/2 minuto di riposo. Quindi, se cuocete un piatto per 10 minuti è necessario attenderne almeno 5 di riposo, se poi si tratta di un composto liquido ancora di più. Il mancato rispetto di questa semplicissima regola provoca lesioni interne. Infatti, il tempo di riposo non serve a raffreddare bensì a bloccare il processo fisico molecolare che ne determina la cottura. In poche parole, il cibo continua la sua cottura. Se ingerito, quindi, comporta ustioni e lesioni allo stomaco. 

Insomma, se scegliete questo metodo per abbreviare i tempi di cottura, forse vi sbagliate. 

Dr.ssa Grazia Sardanu

WWW.CRN5.it

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu


Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Fame Nervosa, Fame Emotiva e Fame Continua. Pensate di soffrirne? Mangiate e non vi saziate mai? Potrebbe dipendere da numerose cause. 12 per l'esattezza.

L'ingestione di alimenti contenenti glutine (o meglio, la proteina GLIADINA) provoca una reazione cronica immediata nel tratto tenue intestinale di soggetti detti Celiachi. I dati suggeriscono un'incidenza dell'1% (con prevalenza femminile) ma solo perché non viene diagnosticata correttamente in 5 soggetti su 6, spesso perché i sintomi che emergono...

Hai già stilato la lista dei buoni propositi? Chissà quante volte hai scritto almeno due delle varie "promesse per l'hanno nuovo". Un po' come in un vecchio film "Il diario di Bridget Jones".