LEGUMI: IDEE PRATICHE

01.07.2019

Un piatto per tutti i pasti, a casa o in ufficio. Freddi o caldi. In inverno o in estate. I legumi sono il passe-partout che ciascuno di noi dovrebbe conoscere. 

Ecco 5 idee veloci e gustose

Proprietà dei legumi

I legumi costituiscono, secondo le Linee Guida Nazionali ed Internazionali, un pasto completo ed equilibrato. Ad elevato contenuto nutritivo e a basso impatto calorico. Ottimo per qualsiasi base alimentare: regime dietetico, sportivo o pediatrico. 

Noti per le elevate concentrazioni di proteine, facilmente assimilabili a differenza di quelle animali, e di carboidrati a basso indice e carico glicemico. I legumi vantano anche altre proprietà nutritive: Vitamine (in particolare del gruppo B e vitamina C), Minerali (calcio, ferro, fosforo, potassio, magnesio), Oligoelementi e Fibre.

L'antica saggezza popolare prevedeva piatti contenenti Legumi e Cereali, definiti "piatti unici" per le caratteristiche equilibrate di Carboidrati e Proteine in essi contenuti. La giusta quantità è costituita da un rapporto Legumi: Cereali di 2:1 (es. fagioli 100g + Pasta 50g). 

Qualche esempio di piatto unico? Pasta e fagioli, Pasta e Fave, Riso e piselli, Pasta e ceci.

Per chi avesse la fortuna di avere un orto, questo è il momento di seminarli!


Avvertenze: Due eccezioni escludono i legumi dalla dieta: favismo e nefropatici (in questo ultimo caso è sufficiente cambiare due volte l'acqua dell'ammollo).

Soggetti sensibili alle fave possono sviluppare reazioni allergiche a seguito dell'ingestione o dell'inalazione del polline. In caso di reattività portare immediatamente il soggetto in ospedale. Generalmente, i soggetti affetti da favismo, sviluppano una mancanza dell'enzima glucosio-6-fosfato-deidrogenasi (G6PD), che in condizioni normali è presente nei globuli rossi ed è determinante per lo svolgimento delle loro funzioni, oltre che per la loro stessa sopravvivenza. Questa carenza spesso è asintomatica. Talvolta però, i soggetti più reattivi (sesso maschile, perché la trasmissione è legata al cromosoma X) presentano segni clinici chiari e gravi, come crisi emolitiche tra le 12 e le 48 ore dopo essere entrati accidentalmente in contatto con una delle sostanze citate. I sintomi della crisi includono ittero, forte anemia, pallore, debolezza, disfunzioni renali (fino all'insufficienza renale acuta), dolori addominali, nausea e vomito. Nei casi più gravi, che in genere sono piuttosto rari, si può determinare un vero e proprio collasso vascolare periferico con respiro frequente e difficoltoso, emoglobinuria (presenza massiccia di emoglobina nelle urine, che diventano di color giallo-arancione) e danno renale, che però è di solito reversibile. In più possono comparire brividi, febbre, dolore alla regione lombare, shock. La durata della crisi emolitica è piuttosto breve. 

I soggetti più reattivi talvolta possono innescare crisi allergiche anche per cross-reazione con i piselli. 

A seguito di una prima reattività, non limitatevi alle cure d'emergenza ma rivolgetevi ad un professionista per chiarezza e delucidazione sulle specie (alimentari o respiratorie) che donano cross-reattività. 

Il favismo si sviluppa in tutto il bacino Mediterraneo, Grecia, centro e sud America. In Italia si osservano rilevanze di soggetti affetti in Sardegna e Toscana.

Per maggiori informazioni, sul FAVISMO, scarica l'opuscolo gratuitamente.


Tutti gli altri soggetti che non hanno mai avuto queste sintomatologie, non possono sviluppare problematiche reattive. Possono quindi gustarli a tavola e respirarle nei campi intorno a casa senza nessun problema.

In caso di svezzamento, consiglio una piccolissima somministrazione, mai in vacanza o lontano da ospedali. Osservare il bimbo per 48 ore. In assenza di reazione, procedere normalmente. 

I nostri amici quattro zampe possono mangiare tutti i legumi, ma sviluppano le nostre stesse allergie. Procedete quindi come per lo svezzamento umano. 


PER QUALSIASI DUBBIO RELATIVO ALLA NUTRIZIONE UMANA O ANIMALE, CONTATTATECI!

Dr.ssa Grazia Sardanu

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Fame Nervosa, Fame Emotiva e Fame Continua. Pensate di soffrirne? Mangiate e non vi saziate mai? Potrebbe dipendere da numerose cause. 12 per l'esattezza.

L'ingestione di alimenti contenenti glutine (o meglio, la proteina GLIADINA) provoca una reazione cronica immediata nel tratto tenue intestinale di soggetti detti Celiachi. I dati suggeriscono un'incidenza dell'1% (con prevalenza femminile) ma solo perché non viene diagnosticata correttamente in 5 soggetti su 6, spesso perché i sintomi che emergono...

Hai già stilato la lista dei buoni propositi? Chissà quante volte hai scritto almeno due delle varie "promesse per l'hanno nuovo". Un po' come in un vecchio film "Il diario di Bridget Jones".