LA SAGGEZZA DEL GRANCHIO

05.08.2022

Se metti un granchio in un secchio, si arrampicherà facilmente. Ma se metti un secondo granchio nel secchio, nessuno dei due scappa. Una volta che uno inizia a scappare, l'altro lo tira indietro nel secchio. 

In altre parole, circondati di persone positive. 

È difficile mantenere una prospettiva positiva se si viene costantemente abbattuti dalla negatività di amici, familiari o colleghi di lavoro. Se rimani intrappolato in una conversazione negativa, cerca con garbo di cambiare argomento in qualcosa di più positivo. Tuttavia, se sei circondato da un mucchio di granchi negativi, potrebbe essere il momento di rivalutare la tua cerchia di amici nel tentativo di circondarti di individui edificanti. 

Questo discorso vale per il tuo corpo, la tua dieta, i tuo modo di vestirti, la tua voglia di cambiare e stare meglio. 

Con tutti questi granchi mi è venuta fame. Quali sono le proprietà del GRANCHIO?

LA PAROLA ALL'ESPERTO


100g di granchi contengono meno di 100 calorie di cui 83.6% da Proteine e 11,6% da grassi (unicamente grassi "buoni"), ovvero solo Omega-3 ed in piccola parte Omega-6.

Sono anche un'ottima fonte di minerali (Sodio, Potassio, Calcio, Magnesio, potassio, zinco, rame, Manganese, Selenio) e vitamine (Vitamina A, Vitamina B, Tiamina, Folati, Vitamina B12, Riboflavina, acido pantotenico, ecc..).

A livello nutrizionale sono un alimento ottimo. Sano, visto la vita breve e la loro dieta non accumulano quantità elevate di metalli pesanti. 

Il fattore di pienezza, per questi crostacei è medio, considerando la quantità media che  un individuo può utilizzare.

Carico ed indice Glicemico sono bassi, quindi utilizzabili da individui con patologie metaboliche quali Diabete T1, Diabete T2, Sindrome Metabolica, e altro.

In altre parole, i granchi sono ottimi come pasto, ma non come metafora di vita.


Dr.ssa Grazia Sardanu

www.CRN5.it

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu


Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Quando un alimento causa problemi, diventa difficile vivere con serenità un pasto, sia a casa che fuori. L'industria alimentare poi ci mette del suo, inserendo diciture che provocano più dubbi al consumatore.

Sulla cellulite si sono dette tante castronerie. Iniziamo dall'inizio. Come distinguerla dalla ritenzione idrica? Poggiate la mano sulla zona interessata; se risulta molto più fredda, allora è cellulite. Ecco come procedere in entrambi i casi.

Uomini e donne, si sa... sono molto diversi. Non solo per struttura e capacità fisica, ma anche per emotività. A esigenze diverse ne conseguono sostanze chimiche divere e quindi nutrienti diversi. Sarà per questo motivo che sono in maggioranza donne a "dipendere" da cioccolato e nutella mentre gli uomini meno?