GRASSI: BUONI O CATTIVI?

28.11.2019
E' meglio una dieta a basso contenuto di grassi ed alto contenuto di carboidrati oppure una dieta ricca di grassi e a basso contenuto di carboidrati? Quanto conta il tipo di grasso? 


La risposta arriva da uno studio in collaborazione tra i ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health ed il Boston Children's Hospital. L'obiettivo era quello di riunire un team con diverse aree di competenza e punti di vista contrastanti e di identificare le aree di accordo senza sorvolare sulle differenze. La recensione è stata pubblicata online il 15 novembre 2018 in Science. Gli autori hanno esposto le prove per tre posizioni contrastanti sulle linee guida internazionali sulla Nutrizione per il consumo di grassi e carboidrati:

  1. L'alto consumo di grassi causa obesità, diabete, malattie cardiache e cancro, pertanto le diete a ridotto contenuto di grassi sono ottimali.
  2. I carboidrati trasformati (farine raffinate) hanno effetti negativi sul metabolismo; Diete a basso contenuto di carboidrati (ovvero utilizzando cereali integrali) e con un alto contenuto di grassi "buoni" sono migliori per la salute.
  3. La quantità relativa di grassi e carboidrati nella dieta ha poca importanza per la salute: l'importante è il tipo di grassi o di carboidrati consumati.

Concentrandosi sulla qualità della dieta, sostituendo i grassi saturi o trans con i grassi insaturi e sostituendo i carboidrati raffinati con i cereali integrali e le verdure non staminali, la maggior parte delle persone può mantenere una buona salute all'interno di un'ampia gamma di rapporti grassi-carboidrati. 

Insomma, per stare bene bisogna mangiare bene: diciamo addio a

e portiamo in tavola 


Dr.ssa Grazia Sardanu

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Fame Nervosa, Fame Emotiva e Fame Continua. Pensate di soffrirne? Mangiate e non vi saziate mai? Potrebbe dipendere da numerose cause. 12 per l'esattezza.

L'ingestione di alimenti contenenti glutine (o meglio, la proteina GLIADINA) provoca una reazione cronica immediata nel tratto tenue intestinale di soggetti detti Celiachi. I dati suggeriscono un'incidenza dell'1% (con prevalenza femminile) ma solo perché non viene diagnosticata correttamente in 5 soggetti su 6, spesso perché i sintomi che emergono...

Hai già stilato la lista dei buoni propositi? Chissà quante volte hai scritto almeno due delle varie "promesse per l'hanno nuovo". Un po' come in un vecchio film "Il diario di Bridget Jones".