GLI INGREDIENTI DI SETTEMBRE

05.09.2019


Ogni stagione ci regala profumi, cibi e colori diversi, ciascuno dei quali perfettamente adatto, proprio come un bel vestito. Quali sono gli ingredienti di settembre?



Frutta- mele, pere, prugne, fichi, uva (bianca, nera, americana), alchechengi. 

Bacche commestibili- Pepe rosa, Pero corvino (amelanchier), sambuco (ottimo per sciroppi e liquori), biancospino, corniolo maschio, ginepro, olivello spinoso, prugnolo, more, mirtilli, lamponi, ribes rossi,


Verdura- carciofo, melanzana, broccoli, cavoletti di Bruxelles, cavolo (rosso o bianco), cavolo cappuccio, cavolfiore, sedano rapa, sedano, peperoncini, zucchine, cetriolo, finocchio, aglio, rafano, cavolo rapa, porri, lattuga ( Cos e Iceberg), peperoni, ravanelli, scalogno, spinaci, pomodori, crescione. 

Zucca (polpa e semi), per le sue caratteristiche nutrizionali è simile ai tuberi (ricca di carboidrati ma anche di fibre). i semi tostati sono un ottimo spuntino per bimbi e sportivi.


Tuberi- barbabietola, carota (arancione e viola), cipolle, patate, rape. 


Erbe- erba cipollina, coriandolo, origano, menta, prezzemolo , rosmarino, timo


Funghi selvatici- porcini (nei boschi, tra il muschio e vicino al mirtillo), cantarelli e steccherini (tra il muschio o lungo gli scoli), russole, ovoli, porcini neri (tra i castagneti). Sanguinelli (tra pini e abeti).

Non ci resta che liberare la fantasia e… buon appetito!

www.CRN5.it

Dr.ssa Grazia Sardanu

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu


Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Ogni volta che si distingue per concetto divento perplessa. Ecco perchè oggi, giornata contro la violenza sulle donne, vorrei celebrare la non violenza di qualsiasi tipo. Perchè non importa il genere, si chiama sempre violenza.

Siamo lieti di aiutare il ritorno in sicurezza degli iscritti all'Accademia Ucraina di Balletto e all'Istituto Le Marcelline di Quadronno. Oggi, dalle 8.45 alle 16 effettueremo test di screening Covid-19 pre-ingresso ai convitti.

Siamo rimasti chiusi, limitando i contatti. Ma appena lasciamo la nostra "isola felice", è necessario adottare comportamenti idonei e a basso rischio di contagio.