GIOCO DI SQUADRA

22.06.2018

Durante i mesi estivi abbiamo più tempo per stare insieme. E questo per noi italiani vuol dire avere più tempo da passare a tavola, tra familiari, amici e parenti. Perché non usarlo per creare legami intelligenti? Sì, aromi, sapori e gusti diversi creano ricordi indelebili. Quelli che tutti rievochiamo se pensiamo ad un piatto che piaceva cucinare alle nostre nonne o mamme.

Ma come si crea un piatto saporito e sano?

Iniziamo con il sederci a tavola con tutta la famiglia. Un aroma viene spesso associato dalla nostra mente al nostro stato d'animo. Quindi, per esempio, il profumo di un pesto, può ricordarci un momento particolarmente felice. Spesso, a tavola. Quindi, non è solo questione di gusto in se… ma di attimo vissuto.

Ridurre il Sodio

La maggior parte di adulti e bambini consumano troppo sodio. Mangiare troppo sodio può aumentare il rischio di ipertensione e malattie cardiache, ictus danni renali ed altro ancora. Dai dati emerge una grave preoccupazione: i bambini mediamente consumano più del doppio del sodio di cui hanno bisogno ogni giorno. Inoltre, l'eccesso di sale rende tutte le pietanze simili a livello di gusto. Volete ridurre il sale? Buttate via dadi ed esaltatori di sapore, compresi quelli "Bio". Sono solo composti a base di sale. Dopo 6 giorni il corpo si adatterà ai nuovi livelli di gusto.

Il sale che aggiungiamo durante la cottura e a tavola, rappresenta solo il 10 percento del sodio giornaliero. I principali trasgressori sono alimenti confezionati e trasformati che forniscono più del 75% del sodio.


Usare le spezie

In cucina, imparate a pensare fuori dagli schemi. Optate per le spezie invece di sale aggiunto. Succo di limone o lime fresco, erbe fresche (basilico, finocchietto, menta, ...) o miscele di erbe senza sale e aceto per aumentare il sapore dei vostri cibi preferiti. Alcune terre usano erbe e piante tipiche mediterranee; per esempio foglie di mirto, rosmarino, salvia. Bruciati liberano non solo profumi ma anche proprietà antisettiche e terapeutiche.

Sin dalla più tenera età le papille gustative si adattano al vostro modo di mangiare. Anzi! Già in fase embrionale si avvertono i sapori. E' quindi importante proseguire con le tradizioni popolari e familiari. Sono proprio queste che creano un legame con la propria famiglia e la terra d'origine.

Leggete le etichette nutrizionali

Un gioco che potete fare in famiglia, è quello di insegnare ai vostri figli come scegliere un prodotto, perché limitarlo o non comprarlo. Se rinunciate ad acquistare dei cibi in scatola, surgelati e confezionati, provate a farli voi in casa. Come? cercate dei tutorial! Sarà l'unica concessione. Poi spegnete le TV, accendete la musica ed i fornelli.

Usate più verdura e frutta

Contengono poco sodio, ma sono ricche di potassio, un minerale che bilancia la pressione sanguigna. Tuttavia, pochi di noi ricevono la giusta quantità di potassio di cui abbiamo bisogno. I bambini di età inferiore ai 13 anni hanno bisogno di circa 3000 a 4.500 milligrammi di potassio al giorno, mentre gli adolescenti e gli adulti richiedono 4.700 milligrammi. Le principali fonti includono verdure come pomodori e spinaci; frutta come banane, arance e avocado. Mangiare almeno 1 tazza (o un palmo) di frutta e 2½ tazze.

Divertitevi


Giocate, condividete e sorridete. Ecco come si prepara un piatto in famiglia. E se qualche cosa va storto? pazienza. Riprovateci! In fondo, è proprio così che si cresce. L'importante è riuscire ad esprimere noi stessi… almeno in famiglia.


Non resta che provare! Buon appetito!

Dr.ssa Grazia Sardanu
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...

Mai come in questo periodo storico è importante prepararci all'autunno, rafforzare le nostre difese immunitarie, "ripulire" corpo ed ambiente.