ERBE COMMESTIBILI

04.03.2024

Il cemento sempre più prepotente e la lontananza dai nonni ci fa perdere nozioni botaniche importanti. Se vi capita di avere un prato non trattato con pesticidi, erbicidi o altro, potreste riconoscere una delle tante erbe commestibili. Iniziamo con quella più comune e semplice

CICERBITA (SONCHUS OLERACEUS)

Plinio il Vecchio ne parlò, quando raccontava che Teseo si nutrì di Cicerbita prima di inoltrarsi nel labirinto per uccidere il Minotauro. Insomma, letteratura, botanica, alchimia e nutraceutica, si incontrano nei secoli su un semplice prato. 

Dal livello del mare fino ai 1700 metri, questa pianta cresce spontanea sempre, eccetto durante la siccità estiva. La Cicerbita è un'erba selvatica ricca di fibre e di vitamine A, B2, C. Inoltre è ricca di calcio, ferro, fosforo. Per la presenza di inulina è particolarmente indicato per chi soffre di diabete. Umani ed animali ne possono usufruire senza problemi. 



Questa pianta veniva impiegata in erboristeria per le sue proprietà depurative, diuretiche, epatodetossicanti e sopratutto per la sua azione coleretica (stimolante la bile), ma oggi quasi completamente trascurata. 


Come mangiarla? cruda in insalata, lessata, usata quale contorno, condita con olio e limone o passata in padella con qualche spicchio di aglio. La rosetta basale si salta in padella con dell'aglio e se ne gusta il sapore delicatissimo. E' un ingrediente imprescindibile delle zuppe di origine contadina dove le foglioline più tenere vengono cucinate nella zuppa fiulana Postic, nella Preboggion ligure e nella Minestrella della Garfagnana. Il fusto delle piante giovani si consiglia lessato come asparago. Invece la radice può essere portata a tavola lessata oppure una volta tostata può essere usata come surrogato del caffè.


Buone passeggiate e buon appetito!

Dr.ssa Grazia Sardanu

www.CRN5.it
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu


Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Molti sportivi (e anche chi è l'opposto di uno sportivo!) si pongono delle domande: in quanto tempo posso recuperare il tempo perduto? Cosa devo mangiare per aiutare il mio metabolismo e ottimizzare il lavoro fisico?

Non si può negare che il microonde ha conquistato in pochi anni tutte le cucine, occupando un suo posto stabile, tanto quanto il forno tradizionale. Esistono però delle regole da seguire.