DISORDINI ALIMENTARI. QUANTO NE SAI?

15.01.2020

Che i disordini alimentari siano in vertiginoso aumento è un dato scontato. Bulimia, anoressia e nuove patologie simili sono all'ordine del giorno. 

Ci sono delle novità sul fronte scientifico. Le ricerche completate nel 2003 dalla University College London riguardanti il progetto genoma umano, chiariscono le dinamiche genetiche correlate alle varie problematiche, incluse quelle riguardanti il peso. In particolare, sono stati identificati i geni connessi alla modulazione dell'appetito, quelli che determinano il senso di sazietà ed i responsabili di gusto e olfatto.

Ma non è tutto. Il senso di appetito è governato anche dal cervello. Per questo motivo, il progetto scientifico si è ampliato in uno studio multidisciplinare che  valutando correlazioni tra geni, neuroscienze e body mass index e scienze comportamentali. Insomma, si spera che presto le migliaia di persone che ogni giorno lottano con vari disturbi alimentari, possano trovare una soluzione concreta. 


Ma se stai pensando di usare la scusa del "gene sbagliato" per crogiolarti nel vittimismo commetti un errore. Sì, perché ti dimentichi di essere un individuo libero e pensante. Allora ricordalo quando, mentre sfogli un giornale e guardi un film, ti senti inadatto e sbagliato. E' proprio questa l'ultima relazione dello studi d'equipe pubblicata due giorni fa. La "causa delle cause", così viene definita nell'articolo sta proprio nell'influenza che social media (Instagram, Facebook e altre piattaforme) e televisione hanno sulla mente e quindi sui comportamenti degli adolescenti (e non solo!). In particolare emerge quanto sia evidente l'effetto negativo (immagine corporea e dieta squilibrata) sulle attitudini sbagliate. Ancora più allarmante sono i gruppi ormai decennali "pro-ana" o "pro-mia" ovvero a favore di atteggiamenti che inducono all'anoressia, la cui evoluzione informatica è il fenomeno "anorexia coach" che addirittura prevede denigrazione mentale e fisica (attraverso pubblicazioni di foto di corpi nudi). 

Per questo motivo, per esempio in U.K sono nati dei sistemi di sorveglianza, proprio come anni fa si è intervenuti sulla pedofilia grazie al NPCC (National Police Chief's Council). 

Riassumedo: ci sentiamo tutti esperti in campo alimentare ma allo stesso tempo così fragili da dovere essere ridicolizzati. 

Siamo davvero così manipolabili?


Se ti riconosci in uno di questi comportamenti e hai bisogno di aiuto, chiamaci!

A volte il semplice parlare sgretola quel finto mondo virtuale che tanto ti sembra importante.

Dr.ssa Grazia Sardanu

www.CRN5.it
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...

Mai come in questo periodo storico è importante prepararci all'autunno, rafforzare le nostre difese immunitarie, "ripulire" corpo ed ambiente.