DIETA ESTIVA

10.07.2020

Questa invenzione della "prova costume" ci sta un pochino sfuggendo di mano. Per qualche mese ci trasformiamo in schizofrenici paranoici ossessionati da calorie e carboidrati. Tutto fino a settembre, quando ricominciamo a mangiare dolci di Halloween e natalizi.

Non voglio commentare il senso di tutto questo, perchè non c'è, ma solo quanto questo comprometta tutto il corpo, ma in particolare i reni di uomini e donne, adolescenti o adulti.

Diete dimagranti o per incremento di massa muscolare, hanno spesso in comune un carico importante sui reni. Infatti, nel primo caso per eccesso di grasso ematico, nel secondo per eccesso di carico proteico, si sollecitano in modo eccessivo.

Porre fine a questa "dieta dei tre mesi" è impossibile quanto pretendere che il mio pesce rosso parli. Quello che però posso tentare di fare, è sensibilizzarvi sui vostri reni.

Per questo motivo oggi vi proponiamo 10 alimenti per il benessere dei vostri reni.

1- Mirtilli ed Amarene: noti per prevenire e curare le infezioni batteriche del tratto urinario e per ridurre e prevenire le cistiti. Inoltre, contengono resveratrolo, un antiossidante con azione specifica, ottimo per trattare le problematiche di gotta e per l'eliminazione dell'acido urico;  ritarda la progressione patologica del rene policistico, salvaguardia la funzione mitocondriale del rene in seguito a shock emorragico e tratta le patologie renali croniche.
2- Barbabietola: sono al primo posto tra gli alimenti contenente ossido nitrico, che è noto per detossificare il sangue ed i reni (Indian Journal of Nephrology ).

3- Curcuma: da oltre 4000 anni utilizzati e studiati dalla Medicina Tradizionale Cinese.
4- Alghe (in particolare quelle brune): sono tra gli alimenti più nutrienti del pianeta. In campo sportivo agonistico vengono utilizzate come supplementi con azione endocrino-attiva. Oltre le qualità nutritive, vantano capacità detossificanti dei metalli pesanti, che quindi depurano i reni.
5- Radice di bardana: nota fin dai tempi antichi per gli effetti diuretici, particolarmente attivi sui liquidi ritenuti e costituiti da acqua e sodio; inoltre, incrementando la produzione di urina, aiuta il sangue nei processi di detossificazione metabolica.
6-Cipolla: da sempre nota nella tradizione popolare, ma ora apprezzata anche nella comunità scientifica, per le proprietà antitumorali e nefro-tonicifanti.
7- Cavolo: gli estratti vengono proposti come sostituenti le terapie farmacologiche per il trattamento di Helicobacter pilory in soggetti ipersensibili od oncologici; inoltre, è ottimo trattamento dell'ipercolesterolemia.
8- Spinaci: ricco di vitamine del gruppo B e di alcuni antiossidanti che aiutano a purificare l'intero corpo, in particolare i reni. Naturalmente, come nel caso delle barbabietole, evitate di mangiarne grandi quantità perché potrebbero portare alla formazione di calcoli renali. Piccole porzioni con la giusta frequenza settimanale risultano quindi terapeutici.
9-Ortica: ricca di Vitamina C e di enzimi con proprietà drenanti intra ed extracellulare convoglianti ai reni. Dal medioevo quest'erba è stata usata come rimedio per le nefropatie.
10- Ibisco: le sue proprietà sono così innumerevoli e note che non mi dilungo.
Assicuratevi di dosare correttamente erbe con proprietà nefro-attive, come l'ortica, la bardana o l'ibisco.

Non dimenticate di bere incrementando gradualmente l'acqua giornaliera: un piccolo bicchiere ogni ora, per poi arrivare ad bel bicchiere grande d'acqua all'ora. L'acqua è da preferire oligominerale naturale ed imbottigliata in vetro.

Volete mettervi a dieta? Volete incrementare i vostri muscoli? Pensate che sia tardi, rispetto a cosa

Cambiate abitudini di vita ed i risultati li dimostrerete, con o senza costume, anche agli altri...ma prima a voi!

PER QUALSIASI DUBBIO SULLA NUTRIZIONE UMANA O ANIMALE, CONTATTATECI!

Dr.ssa Grazia Sardanu
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...

Mai come in questo periodo storico è importante prepararci all'autunno, rafforzare le nostre difese immunitarie, "ripulire" corpo ed ambiente.