CUORE EUROPEO

14.01.2019

Dei 4,3 milioni di morti per patologie cardiovascolari in Europa nel 2016, 2,1 milioni (la metà) sono dovuti a una cattiva alimentazione. Tra i decessi evitabili, i 28 Stati membri dell'Unione Europea ne registrano circa 900.000, la Russia per 600.000 e l'Ucraina per 250.00.

Questi sono stati i risultati di un gruppo di ricerca internazionale guidato dalla Martin Luther University Halle-Wittenberg (MLU), la Friedrich Schiller University Jena, il cluster di competenze nutrCARD e l'Università di Washington negli Stati Uniti. I risultati sono stati pubblicati nell'attuale numero dell'European Journal of Epidemiology . I dati di questo studio su larga scala dimostrano che è possibile intervenire su questo tipo di mortalità con una migliore nutrizione.

Per lo studio, il team ha valutato i dati rappresentativi dal Global Burden of Disease Study (GBD) che sono stati raccolti tra il 1990 e il 2016. Hanno analizzato la prevalenza di malattie cardiovascolari, come infarti e ictus, in 51 paesi che la World Health Organizzazione (OMS) ha designato come "regione europea". Oltre agli stati membri dell'UE e altri paesi europei, sono stati inclusi anche diversi stati in Medio Oriente e Asia centrale, come Armenia, Azerbaigian, Israele, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turchia, Turkmenistan e Uzbekistan. Sulla base del consumo di cibo e di altri fattori di rischio nei rispettivi paesi, i ricercatori hanno calcolato la percentuale di decessi attribuibili a una dieta squilibrata, ad esempio il sottoconsumo di prodotti integrali, noci, semi e verdure, nonché il consumo eccessivo di sale.

Un confronto tra i paesi ha rivelato chiare differenze nel 2016

I°) 160.000 decessi (46% di tutti i decessi cardiovascolari) sono stati associati a una dieta squilibrata in Germania, 

II°) 97.000 (41%) in Italia, 

III°) 75.000 (41%) in Gran Bretagna e 

IV°) 67.000 (40%) in Francia. 

In Israele e in Spagna, tuttavia, solo una su tre morti cardiovascolari premature era correlata alla dieta. 

I profili specifici dei paesi sono stati pubblicati come parte dello studio: "In Svezia e Norvegia il sottoconsumo di noci e semi è fortemente associato alle malattie cardiovascolari, mentre in molti paesi dell'Europa centrale e orientale e dell'Asia centrale il basso consumo di prodotti integrali pone rischio maggiore, o per dirla in altro modo: l'aumento del consumo di prodotti a base di farina bianca a bassa fibra ha portato a un aumento delle malattie cardiovascolari negli ultimi anni: in Albania, Azerbaigian e Uzbekistan, il numero di casi è più che raddoppiato nel periodo sotto recensione ".

Il team ha riscontrato altre differenze rilevanti: gli uomini tendono ad essere colpiti in giovane età, mentre le donne sono state colpite solo dai 50 anni in poi. Nel 2016, circa 601.000 persone al di sotto dei 70 anni sono decedute per malattie cardiovascolari legate all'alimentazione, 420.000 uomini e 181.000 donne. La percentuale più alta di decessi legati all'alimentazione tra i minori degli anni '70 è stata osservata in Asia centrale, dove la percentuale era del 42,5%. Negli stati membri dell'UE, i ricercatori hanno identificato 178.000 decessi prematuri correlati all'alimentazione - 132.000 di loro uomini e 46.000 di loro donne - che corrisponde a circa il 20% di decessi cardiovascolari.


Tra questi dati risulta importante sottolineare la posizione sfavorevole dei dati pediatrici italiani che pone i nostri figli in prima linea sulle patologie cardiovascolari pediatriche per eccesso di Sali (derivati da salumi, formaggi e dadi da cucina). 

Riassumendo: è ora di darci una regolata a tavola!

Volete stare meglio? contattateci!

Dr.ssa Grazia Sardanu

www.CRN5.it

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu


Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...

Mai come in questo periodo storico è importante prepararci all'autunno, rafforzare le nostre difese immunitarie, "ripulire" corpo ed ambiente.