COLORANTI ALIMENTARI FATTI IN CASA.

09.10.2018


Frutta, verdura e spezie hanno un forte pigmento che li rende perfetti per la colorazione di cibi fatti in casa. Questo tipo di colorante non è concentrato come una tintura normale, quindi potrebbe essere necessario usarne di più. Potete sbizzarrirvi a colorare risotti, paste, pane, dolci, gelatine e altro ancora. 

La colorazione alimentare fatta in casa ha un sapore strano? No, perché si usano  quantità così piccole da non poter avvertire il gusto del cibo da cui deriva. Inoltre, sono tutti alimenti al gusto piuttosto neutro, ad eccezione della curcuma. La curcuma, è il più forte colorante alimentare fatto in casa da dosare con parsimonia per ottenere un colore giallo intenso.

Se vuoi creare una gamma completa di colori, puoi mescolare due colori insieme per ottenerne uno nuovo o usare altri frutti e verdure, come il succo di carota. 

Qualche esempio?

Ovviamente le varianti di colore sono infinite e potete estrarre da alimenti o fiori commestibili.

Le barbabietole ti danno un incredibile colore ROSSO INTENSO, quasi rosa.  Il gusto della barbabietola non si averte.

Un estratto di spinaci regala uno splendido colorante VERDE INTENSO. 

La curcuma è usata principalmente in cucina per colorare i piatti di un GIALLO BRILLANTE.

I mirtilli funzionano così bene per la colorazione di cibo VIOLA fatto in casa, non blu come si potrebbe pensare.


  • INGREDIENTI PER COLORANTI Fatti in Casa
  • Colorante alimentare rosa
  • Barbabietole cotte da 1/4 di tazza (60 g) (in scatola o fresca)
  • ½ tazza (115g) di succo di barbabietola (dalla latta o dal liquido di cottura) 
    1. In un frullatore o in un robot da cucina, unite le barbabietole e il succo e frullate fino ad ottenere un composto omogeneo.  Setacciate per rimuovere le barbabietole e conservare il succo estratto in una bottiglietta con tappo ermetico. Conservare in frigorifero. Consumare entro 6 settimane. 
  • Colorante alimentare giallo
  • ½ tazza ( 115 g) di acqua
  • 1 cucchiaino di curcuma macinata 
    1. In una piccola casseruola, sobbollire l'acqua e la curcuma per 2 o 3 minuti. Lasciare raffreddare completamente. Conservare in un contenitore ermetico per un massimo di 6 settimane in frigorifero. La curcuma può macchiare, quindi usa un contenitore che non ti dispiace "ingiallire".
  • Colorante alimentare viola
  • ½ tazza (115g) mirtilli, freschi o congelati (se congelati e scongelati)
  • ⅓ tazza ( 90 g) di acqua 
    1. In un frullatore o in un robot da cucina, mescolare insieme i mirtilli e l'acqua fino a renderli omogenei.  Le bacche congelate  hanno un colore più stabile quando scongelate. Passare attraverso un setaccio per rimuovere le bucce e la polpa dal mix in modo da essere lasciato con il liquido viola.
    2. Conservare in un contenitore ermetico per un massimo di 6 settimane in frigorifero.
    3. Colorante alimentare verde
  • 1 tazza ( 30 g) di spinaci, freschi o surgelati (se congelati, scongelati e scolati)
  • ½ tazza (115 g) di acqua 
  • Se si utilizzano spinaci freschi, far cuocere in una piccola casseruola, a fuoco lento, gli spinaci con l'acqua per 2-3 minuti. Non coprire gli spinaci per evitare di attenuare il colore verde. Se si utilizzano spinaci congelati e scongelati saltare questo passaggio.
    1. In un frullatore o in un robot da cucina, unire gli spinaci e l'acqua e frullare  fino a completa omogeneità. Passare attraverso un setaccio per rimuovere le foglie.
    2. Conservare la colorazione verde in un contenitore ermetico per un massimo di 6 settimane in frigorifero.

Bene! ora è arrivato il momento di colorare ogni piatto, dalla prima colazione alla cena!

Dr.ssa Grazia Sardanu

www.CRN5.it

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu


Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...

Mai come in questo periodo storico è importante prepararci all'autunno, rafforzare le nostre difese immunitarie, "ripulire" corpo ed ambiente.