BISCOTTI PER CANI

05.11.2019

I nostri amici a quattro zampe ricevono da noi sempre più attenzione. Ecco per loro 4 idee di biscotti gustosi fatti in casa.

Ingredienti: 2 tazze di farina integrale, 2 uova, 1 tazza di succo di mela non zuccherato, mirtilli, carota tritata, foglie di menta, purea di zucca.
Istruzioni: preriscaldare il forno a 180 º C. Unite la farina integrale, le uova ed il succo di mela non zuccherata, e mescolate fino a formare un impasto.
Dividere l'impasto in 4 e trasferirlo in una ciotola separata. Aggiungere mirtilli, carote tritate, foglie di menta e purea di zucca nelle ciotole e mescolare fino a quando l'impasto e il sapore sono amalgamati bene insieme.
Spolverare le mani e la superficie con farina integrale. Stendere tutti e quattro gli impasti separatamente fino a quando non sono sottili e tagliati con stampini per biscotti. Collocare ogni biscotto su una teglia rivestita in carta da forno. 
Cuocere per 30-40 minuti o fino a doratura. Togliere dal forno e lasciar raffreddare.
Conservare i biscotti rimasti in un contenitore ermetico (quando si sono completamente raffreddati) per un massimo di 3-4 giorni.


Bene, ora chiedete ai vostri amici pelosi quale delle 4 ricette è la loro preferita.

Per qualunque dubbio riguardante la Nutrizione Animale, contattateci!

Dr.ssa Grazia Sardanu
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Quando un alimento causa problemi, diventa difficile vivere con serenità un pasto, sia a casa che fuori. L'industria alimentare poi ci mette del suo, inserendo diciture che provocano più dubbi al consumatore.

Sulla cellulite si sono dette tante castronerie. Iniziamo dall'inizio. Come distinguerla dalla ritenzione idrica? Poggiate la mano sulla zona interessata; se risulta molto più fredda, allora è cellulite. Ecco come procedere in entrambi i casi.

Uomini e donne, si sa... sono molto diversi. Non solo per struttura e capacità fisica, ma anche per emotività. A esigenze diverse ne conseguono sostanze chimiche divere e quindi nutrienti diversi. Sarà per questo motivo che sono in maggioranza donne a "dipendere" da cioccolato e nutella mentre gli uomini meno?