PRODOTTI INDUSTRIALI vs. PRODOTTI FRESCHI

20.09.2019


Da recenti studi sembra che noi europei non sappiamo distinguere tra prodotti freschi ed industrializzati che invece ormai dominano sempre più le nostre tavole. Le conseguenze? obesità infarti, ictus e decessi giovanili. 

Due grandi studi europei pubblicati da The BMJ dimostrano un'associazione positiva tra il consumo di alimenti altamente trasformati (ovvero tutti i prodotti industriali acquistabili al supermercato, Bio o no) e il rischio di malattie cardiovascolari, infiammatorie, obesità e decessi. A seguito di questi risultati, i ricercatori europei richiedono politiche che promuovano il consumo di alimenti freschi o minimamente trasformati rispetto agli alimenti industriali.

Cosa sono gli alimenti ultra-elaborati? prodotti da forno confezionati e snack, bevande gassate, cereali zuccherati, fette biscottate, pane in cassetta, piatti pronti contenenti additivi alimentari, zuppe di verdure disidratate o passati di verdura freschi da banco frigo (in realtà ricchi di addensanti e conservanti),  carne conservate (affettati) e prodotti di pesce ricostituiti (in pratica quelli maggiormente pubblicizzati per bambini) spesso contenenti alti livelli di zuccheri aggiunti, grassi e / o sale, ma privo di vitamine e fibre. Si pensa che rappresentino circa il 60% dell'apporto energetico giornaliero in molti paesi europei. 

Perché li acquistiamo? Perché questi prodotti di scarso potere nutrizionale sono venduti come "Bio", "Naturali", "freschi", "Senza zuccheri" e con altri nomi che il marketing utilizza solo perché non esiste regolamentazione legale in questo campo. 

In fondo, se un prodotto non contiene Zucchero (saccarosio), ma altri 4 dolcificanti sintetici (dei 53 in commercio), la dicitura "senza zucchero" è corretta!

Precedenti studi hanno collegato alimenti ultra-elaborati a rischi più elevati di obesità, pressione e colesterolo alto e alcuni tipi di cancro.

Nel primo studio, ricercatori hanno valutato le potenziali associazioni tra alimenti ultra-elaborati e rischio di malattie cardiovascolari e cerebrovascolari (condizioni che influenzano l'apporto di sangue al cuore e al cervello). Le loro scoperte sono basate su 105.159 adulti francesi (21% uomini, 79% donne) con un'età media di 43 anni a cui è stata valutata l'assunzione abituale di 3.300 alimenti diversi. Le persone che mangiano cibi ultra-elaborati hanno assunto in concreto più calorie e guadagnato più peso rispetto a quando hanno mangiato una dieta elaborata minimamente (ovvero alimenti freschi). 

Lo stesso risultato è stato ottenuto dai soggetti che assumevano pasti ultra-elaborate con conteggio calorico e macronutrimenti pari ai soggetti con pasti freschi. I risultati dello studio rielaborati dal National Institutes of Health sono chiari: i prodotti industriali, a parità di calorie e di nutrienti dichiarati, fanno ingrassare e provocano patologie infiammatorie (cancro, infarto, neuropatologie).

In un secondo studio i ricercatori del NIDDK (Malattie Digestive e Rene) e del NIH (Istituto Nazionale del Diabete) hanno condotto è il primo studio randomizzato controllato che esamina gli effetti degli alimenti ultra-elaborati come definito dal sistema di classificazione NOVA . Questo sistema considera gli alimenti "ultra-elaborati" se contengono ingredienti prevalentemente nella produzione di alimenti industriali, come oli idrogenati, sciroppi (di mais ad alto fruttosio), agenti aromatizzanti ed emulsionanti. I risultati di questo esperimento strettamente controllato (perché sono stati somministrati alimenti controllati) hanno mostrato una differenza chiara e coerente tra le due diete e che dimostrare la causa: gli alimenti ultra-elaborati fanno sì che le persone mangiano troppe calorie e aumentino di peso.

Per lo studio, i ricercatori del Centro Clinico NIH hanno osservato dei volontari a cui hanno fornito loro pasti preparati con cibi ultra-elaborati o pasti di alimenti minimamente lavorati. I pasti ultra-elaborati e non trasformati avevano la stessa quantità di calorie, zuccheri, fibre, grassi e carboidrati. 

Nella dieta contenente alimenti ultra-elaborata, la gente mangiava circa 500 calorie in più al giorno rispetto a quella della dieta non trasformata. Questo perché stimolati a mangiare il doppio. Hanno anche mangiato più velocemente nella dieta ultra-elaborata e hanno guadagnato peso, mentre hanno perso peso nella dieta non trasformata. 

Già si sapeva, ma bisognava dimostrarlo: i prodotti industrializzati contengono composti che incrementano la fame (i 53 dolcificanti e zuccheri), oltre a sali e conservanti che incrementano obesità, infarti, icrus, tumori e decessi giovanili. 


Mentre lo studio rafforza i benefici degli alimenti non trasformati, i ricercatori osservano che gli alimenti ultra-elaborati possono essere difficili da limitare. Dobbiamo essere consapevoli del fatto che ci vogliono più tempo e più soldi per preparare cibi meno elaborati. Dire semplicemente alle persone di mangiare più sano potrebbe non essere efficace per alcune persone senza insegnare loro a distinguere. 

La prima regola? usate padella e pentole e... cucinate voi!


www.CRN5.it

Dr.ssa Grazia Sardanu
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu


Fonti

Journal References:

Bernard Srour, et al., Ultra-processed food intake and risk of cardiovascular disease: prospective cohort study (NutriNet-Santé). BMJ, 2019; l1451 DOI: 10.1136/bmj.l1451

Anaïs Rico-Campà, at al., . Association between consumption of ultra-processed foods and all cause mortality: SUN prospective cohort study. BMJ, 2019; l1949 DOI: 10.1136/bmj.l1949

Mark A Lawrence, et al., Ultra-processed food and adverse health outcomes. BMJ, 2019; l2289 DOI: 10.1136/bmj.l2289

Story Source:

Materials provided by NIH/National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. Note: Content may be edited for style and length.

Journal Reference:

Kevin D. Hall, et al.,  Ultra-Processed Diets Cause Excess Calorie Intake and Weight Gain: An Inpatient Randomized Controlled Trial of Ad Libitum Food Intake. Cell Metabolism, 2019; DOI: 10.1016/j.cmet.2019.05.008

NIH/National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases. "Heavily processed foods cause overeating and weight gain, study finds: Small-scale trial is the first randomized, controlled research of its kind." ScienceDaily. ScienceDaily, 16 May 2019.

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...

Mai come in questo periodo storico è importante prepararci all'autunno, rafforzare le nostre difese immunitarie, "ripulire" corpo ed ambiente.