IL POST VACANZA IN 3 MOSSE 

08.01.2019

Diciamoci la verità: i dolci in questi ultimi mesi sono diventati un pasto quotidiano e talvolta sostitutivo. Mettersi subito a dieta potrebbe non essere semplice, in particolare se lo zucchero da ridurre è parecchio. Ecco cosa fare in 3 mosse.

1- Idratarsi in modo corretto. Non vuol dire, come si ripete in TV ed in palestra, che sia necessario bene 2 litri d'acqua ma bere costantemente ogni ora.

L'idratazione corretta riduce la fame nervosa, lenisce le mucose infiammate per eccessiva assunzione di zuccheri, riduce la stitichezza, riduce il gonfiore addominale e drena tossine e sali.

Gli effetti sono visibili dal secondo giorno!

2- Integrate ora Folati e Glicerolfosfato di Magnesio. Hanno un'azione diretta sul metabolismo, muscoli e concentrazione. Vi aiuteranno a ridurre tensione da inizio lavoro, scarsa concentrazione, sofferenza muscolare e incrementeranno la voglia di movimento.

3- Iniziate subito uno stile di vita corretto e realizzate i vostri sogni. 

Volete iniziare un'attività fisica settimanale? iniziate gradualmente, senza stress. 

Avete deciso di smettere di fumare? Contattateci ed ottimizzeremo il risultato!

Volete perdere dei chili di troppo? Non avilitevi da soli o con i soliti "amici" del "vedrai che non ce la fai". Pensate al vostro obiettivo e chiedete aiuto per realizzarlo!

Dr.ssa Grazia Sardanu

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...