FAME NERVOSA E CONTINUA

01.08.2018

 Fame Nervosa, Fame Emotiva e Fame Continua. Pensate di soffrirne? Mangiate e non vi saziate mai? Potrebbe dipendere da numerose cause. 12 per l'esattezza. 

Ecco le 12 domande (e relative risposte) da porvi in caso di fame eccessiva

1- Un alimento vi ha stimolato la fame? Quella ciambella al lavoro sembrava troppo buona per non mangiarne un'altra. Ma ora avete voglia di qualcos'altro? Bevande zuccherate, caramelle e pasticcini non vi danno energia per la giusta duratura, quindi avete fame in continuazione. Inoltre, come ben spiegato nel post del 24.07, lo zucchero (e le sue 56 diverse varianti) provoca dipendenza 8 volte più forte rispetto ad altre droghe, per esempio la cocaina. Quindi direi che, la vecchia frase delle nonne "hai un calo di zuccheri ... mangia qualche cosa di dolce" non sia più appropriata.

Provate a fare scelte migliori: qualsiasi alimento ricco in fibre, cereali integrali, frutta o verdura, grassi sani (salmone, noci, avocado) e proteine magre (come uova, fagioli, pollo grigliato) bloccano rapidamente l'appetito. L'astinenza da zuccheri si elimina dopo una settimana circa. Dopo, la fame nervosa si ridurrà drasticamente!
2- Siete stressati? Il corpo "elimina" la fame con un ormone chiamato adrenalina. Ma se stress e preoccupazioni si protraggono, i livelli di un altro ormone salgono: il cortisolo. Questo provoca una voglia irrefrenabile di mangiare qualsiasi cosa. Normalmente, appena lo stress diminuisce, i livelli di cortisolo diminuiscono e l'appetito torna alla normalità. La soluzione è la gestione dello stress, psicologicamente o con aiuti farmaco-nutraceutici.
3- Siete disidratati? A volte, quando pensate di aver bisogno di mangiare, siete semplicemente disidratati. Quindi, provate a bere dell'acqua. Siete ancora affamati? A questo punto, se dopo il secondo bicchiere d'acqua naturale (meglio se fresca)avete fame, potreste aver bisogno realmente di mangiare qualcosa. E proprio perché lo stomaco ha già accolto dell'acqua, la fame si è ridotta almeno del 30% e quindi la probabilità di mangiare troppo.
4- Yo-yo di zuccheri nel sangue?
Quando mangiate carboidrati dolci o amidacei come ciambelle, pasticcini o bevande dolci, questi liberano molto zucchero nel sangue. Così il vostro corpo rilascia un ormone chiamato insulina, che aiuta le cellule a usarlo come "combustibile" o ad immagazzinarlo. Ma potrebbe succedere che il vostro corpo produca più insulina del necessario. Questo succede con caramelle, bevande light o Chewing Gum. Il risultato è un'ipoglicemia e quindi un eccesso di fame. Un circolo vizioso che si succede costantemente per tutta la giornata.
5- Siete diabetici? Potreste avere fame perché il vostro corpo ha un difetto nella produzione di energia. "Polifagia" è la parola che descrive una fame estrema e può essere un sintomo del diabete. Solitamente questo si accompagna a calo o incremento ponderale, minzioni frequenti e spossatezza.
6- Siete in gravidanza? Mentre alcune delle future mamme si sentono troppo nauseate per mangiare nelle prime settimane, altre potrebbero sentirsi più affamate del solito. Potreste anche desiderare nuovi cibi o sentirsi male al pensiero di mangiare alimenti che amavate. Se pensate che questo possa essere il motivo principale, un semplice test può risolvere il dubbio.
7- Mangiate troppo velocemente? Quando inghiottite il cibo, potreste non dare al corpo abbastanza tempo per segnalare uno "stop alla fame". Mangiare lentamente è anche più soddisfacente, e porta quindi a mangiare di meno. Fate piccoli morsi, masticare bene e gustare il cibo, facendo attenzione a passarlo su palato e lingua, per dare il tempo al corpo di "gustare" quello come mangiate. Proprio come fanno i sommelier quanto "testano il vino". Il segnale di stop alla fame necessita di 30 minuti di tempo! Quindi fate durare il vostro pranzo almeno 30 minuti! Ecco perché si ripete spesso di mangiare tanta verdura.
8- Il cibo non vi ha soddisfatto? Si chiama "indice di sazietà". Gli alimenti con un punteggio più elevato soddisfano meglio la fame, a parità di calorie. Ad esempio, le patate arrostite "riempiono" prima delle patatine fritte. Per questo motivo le industrie alimentari hanno scelto per i loro menù "low cost" le seconde... per incrementare le vendite! Provate coi legumi.
9- Yo-yo emozionale? Molte persone si rivolgono ai "cibi di conforto" quando sono arrabbiate, annoiate, tristi o depresse. Potreste chiamarla "fame emotivo" o "fame nervosa". Qual è il vostro umore prima di mangiare ? Se non siete veramente affamati, provate a fare qualcosa che vi piace. E se capite che vi sentite spesso nervosi, stressati o ansiosi, rivolgetevi ad uno specialista per bloccare questo stimolo. Vi aiuterà a trovare soluzioni pratiche.
10- Avete una tiroide iperattiva? Se la risposta è sì, sicuramente vi sentite stanchi, nervosi, lunatici e affamati tutto allo stesso tempo.
11- Assumete farmaci? Alcuni medicinali possono influenzare l'appetito. Per esempio: antidepressivi, antistaminici, antipsicotici e corticosteroidi.
12- Non dormite abbastanza? La mancanza di sonno può alterare l'equilibrio degli ormoni coinvolti nello stimolo della fame (leptina e grelina) in un modo da incrementare il desiderio di mangiare di più. Può anche rendervi più propensi a spuntini ipercalorici e più grassi (formaggi, brioches, gelati,...).

Insomma, la fame certo non si risolve con dell'insalata. Dipende dall'origine. Ciascuna prevede un metodo diverso di trattamento: dosaggio di minerali, acqua, antidepressivi, macronutrienti ed altro. La Moringa Oleifera, per esempio, offre con successo un largo utilizzo in queste problematiche. Certo è che da soli non potete valutare la problematica... altrimenti su questo pianeta non ci sarebbero umani in sovrappeso! 

Per qualsiasi patologia o problematica non esitate a contattarci! 


Dr.ssa Grazia Sardanu
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

.

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...

Mai come in questo periodo storico è importante prepararci all'autunno, rafforzare le nostre difese immunitarie, "ripulire" corpo ed ambiente.