CARNE di maiale: QUANDO DIVENTA TROPPA?

02.05.2019

Una dieta ricca di carne di maiale potrebbe aumentare il rischio di morte prematura, lo dimostra una nuova ricerca finlandese che conferma dati già esistenti in materia di eccesso di carne rossa. 

Scienziati finlandesi hanno raccolto dati dietetici e sanitari su 2641 uomini di età compresa tra 42 e 60 anni, seguendoli per una media di 22 anni. Nel corso dello studio, 1.225 di loro sono morti.
Rispetto agli uomini che mangiavano meno di 76 grammi di carne al giorno (carne rossa, carne bianca e carne combinata), quelli che mangiavano 251 grammi  al giorno (equivale
ad una piccola fettina di carne) avevano il 23% di probabilità in più di morire. Lo studio è stato pubblicato sull'autorevole rivista scientifica American Journal of Clinical Nutrition.
Assunzioni più elevate di proteine ​​non erano significativamente associate ad un aumentato rischio di morte prematura; quindi, il consumo delle proteine ​​nel pesce, uova, latticini e piante non ha influenzato la mortalità. I dati si riferiscono alle proteine derivanti da carni rosse.


Ma, secondo i ricercatori, maggiore è il rapporto tra proteine ​​della carne e proteine ​​vegetali, maggiore è il rischio di morte precoce. Insomma, la moderazione a tavola è sempre fondamentale. Ciò che potete preferire quotidianamente sono proteine vegetali: ceci, piselli, fagioli, lenticchie. In questo modo metterete a bada la fame senza rinunciare al gusto e alla salute.

Lo studio comparava decine di caratteristiche: demografiche, di stile di vita, di salute e dietetiche, oltre che reddito, storia clinica e familiare e alimenti tipici e specifici consumati frequentemente.
Non è necessario smettere completamente di mangiare carne rossa, sarebbe una scelta etica personale, ma assumerla con moderazione è importante. Alcune persone mangiano carne ogni giorno, e questa non è una buona idea, in particolare se sono bimbi o adolescenti. Eliminate dalla vostra dieta quotidiana salame, prosciutto, bresaola, carni in scatola e carni rosse. Gustarle saltuariamente vi permetterà di non influenzare troppo la vostra salute.

Dr.ssa Grazia Sardanu
www.CRN5.it
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu


Fonti

The New York Times, 16 Aprile 2019 pag. 6 

American Journal of Clinical Nutrition.

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

L'ingestione di alimenti contenenti glutine (o meglio, la proteina GLIADINA) provoca una reazione cronica immediata nel tratto tenue intestinale di soggetti detti Celiachi. I dati suggeriscono un'incidenza dell'1% (con prevalenza femminile) ma solo perché non viene diagnosticata correttamente in 5 soggetti su 6, spesso perché i sintomi che emergono...

Hai già stilato la lista dei buoni propositi? Chissà quante volte hai scritto almeno due delle varie "promesse per l'hanno nuovo". Un po' come in un vecchio film "Il diario di Bridget Jones".