VOGLIA DI FRITTO. ECCO LE 4 REGOLE

29.10.2019


Le nostre strade sono sempre più invase questi profumi di ogni genere di cucina. Il fritto, decisamente prevale. Ecco le regole per friggere in modo perfetto e.. il più dietetico possibile.

Ecco le 4 regole

La prima regola è friggere a casa, con olio d'oliva extravergine d'oliva fresco che, appena usato, va gettato nelle apposite isole ecologiche (essendo fortemente inquinante). 

La seconda regola è mangiare la frittura come un piccolo contorno, non come piatto di portata principale e, ovviamente, a fine pasto in modo che siete già sazi. 

La terza regola è quella di assorbire sempre bene e più volte l'olio in eccesso delle fritture. 

La quarta regola è non friggere solo patatine. Le patate, essendo tuberi fortemente zuccherini, se mangiate calde hanno un potere d'assorbimento velocissimo. Se siete a dieta, diabetici o state sviluppano una patologia a base infiammatoria, la strategia vincente è: friggere anche altri alimenti. In questo modo, non solo non eccederete nelle porzioni ma gustare sapori diversi vi sazierà prima.  

                QUALCHE ESEMPIO

Idee con cipolla 


Idee di zucchine


Idee di verdure miste


L'aggiunta di formaggi è un'inutile addizione di grassi e sali. In alternativa sono sufficienti le spezie (prezzemolo, coriandolo, aglio, cipolla, menta…).

La farina è decisamente meglio integrale. 

Ricordatevi che l'olio di frittura è inquinante. Non usate gli scarichi di casa ma le penisole ecologiche per gettarlo!

Dr.ssa Grazia Sardanu
WWW.CRN5.it
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

La vera tendenza dell'estate è il cibo sano e casalingo. E quale alimento è il più mangiato in estate se non il gelato? Ecco come si fa a casa senza usare "polverine sintetiche"

VITA DA CANI

20.07.2021

10 consigli sulla sicurezza del tuo cane in spiaggia

In costante corsa da noi stessi, ci troviamo oggi a fare i conti con tutte le nostre emozioni. E così, se fino a ieri gli episodi di fame nervosa (e non solo) si limitavano al fine settimana, oggi sono la quotidianità: abuso di zuccheri, alcolici o droghe.