SUSHI-CIOCCO-BANANA

17.01.2020

Quale dolce vi viene in mente? Sicuramente tutti tranne l'unico vero naturale: la frutta!

Ecco un'idea interessante e gradita dal palato e dalla linea!

NUTELLA VEGAN

Frullate le nocciole, aggiungere del latte di cocco q.b. per creare una consistenza cremosa. Versare del cacao amaro in polvere (non zuccherato) e dolcificare con stevia liquida o solida. Conservare in frigo prima di gustarla. 

Le qualità nutritive della crema di nocciola sono elevate ma a differenza di quella industriale ben più nota, questa vi indurrà un senso di sazietà rapido, in modo da evitarvi le "abbuffate". Perchè? 

1- contiene prodotti naturali e non industrializzati e quindi utilizzabili completamente e più facilmente dal corpo, evitando così di trasformarsi e nutrire il tessuto grasso. 

2- contiene solo una tipologia di zucchero e non 3 o 4 come i prodotti industriali, formulati per bloccare il senso di sazietà e quindi commerciare più prodotto.

3- a parità di calorie, non induce l'incremento ponderale ( ed infiammatorio) quanto il prodotto commerciale fatto con materie scadenti. Per questo motivo ormai da decenni si parla di "Valore Nutritivo" e non più di "calorie" di alimenti o bevande. Questo potrebbe essere un metro valutativo di un alimento che vorreste acquistare: le calorie da quali ingredienti derivano? Li trovereste anche nella vostra cucina?


BANANA SUSHI

Inumidite un foglio di pane carasau. Spalmate un cucchiaio di crema di nocciola, cospargetevi sopra 2 cucchiaini di cocco. Avvolgetevi una banana e tagliate a pezzetti.

E' possibile ricoprirlo ulteriormente con la nutella vegan e della granella di pistacchio

VARIANTE bianca- anziché la mousse di nocciola, potete utilizzare una mousse di cocco (frullate: cocco, yogurt di cocco e stevia). 

Dr.ssa Grazia Sardanu

www.CRN5.it
Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

L'ingestione di alimenti contenenti glutine (o meglio, la proteina GLIADINA) provoca una reazione cronica immediata nel tratto tenue intestinale di soggetti detti Celiachi. I dati suggeriscono un'incidenza dell'1% (con prevalenza femminile) ma solo perché non viene diagnosticata correttamente in 5 soggetti su 6, spesso perché i sintomi che emergono...

Hai già stilato la lista dei buoni propositi? Chissà quante volte hai scritto almeno due delle varie "promesse per l'hanno nuovo". Un po' come in un vecchio film "Il diario di Bridget Jones".