QUANDO UNA DIETA FUNZIONA?

07.10.2019


Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse. 

Ecco a cosa bisogna badare. 

Le Raccomandazioni Nutrizionali Internazionali e Nazionali si sono solo concentrate sulle proprietà degli alimenti, conteggi calorici di carboidrati, grassi o proteine ​​come quote rilevanti di popolazione. Ma altri studi stanno dimostrando che i corpi delle persone possono reagire in modo molto diverso agli stessi alimenti e che i consigli nutrizionali standardizzati non sono adatti a tutti. Anche gemelli identici possono avere risposte diverse a cibi identici, suggerendo che la varietà non può essere spiegata dai soli geni. Tralasciando quindi un l'assetto genetico, sul motivo che porta lo stesso alimento reazioni differenti, come per esempio, una persona aumenta di peso mentre un'altra. La risposta più attendibile deriva dal mondo batterico, ovvero dal microbioma. Da recenti studi, infatti emerge che il microbiota può determinare  ildiverso assorbimento metabolico dei cibi. Nel Southwestern Medical Center dell'Università del Texas si è arrivati a tale conclusione, affermando quindi che la sola lettura delle calorie e della composizione nutrizionale di un alimento non è per nulla sinonimo di sicurezza su quante calorie è necessario assumere giornalmente. 

Questo approccio è noto come nutrizione personalizzata. Questo però è tutt'altro che semplice. Trovare la dieta perfetta è più importante che mai poiché epidemie di obesità e diabete di tipo 2 devastano sempre di più intere popolazioni.  In tutto il mondo, oltre 1,9 miliardi di adulti e 380 milioni di bambini e adolescenti - circa un quarto della popolazione mondiale - erano sovrappeso nel 2016, con 650 milioni di persone obese, secondo l'Organizzazione mondiale della sanità. Si stima che 422 milioni di persone si siano malati di diabete nel 2014 con tassi in continua crescere.

I consigli standard su razioni e frequenza di proteine, carboidrati, frutta e verdura, tuttavia, non indicherebbero mai la scelta più sana per uno specifico individuo. Infatti, numerosi studi hanno dimostrato che lo zucchero nel sangue di alcune persone potrebbe aumentare di più dopo aver mangiato una banana rispetto a un biscotto , mentre un'altra persona potrebbe avere la reazione opposta. 

Il carico e l'indice glicemico su ciascuna persona sarebbero quindi la chiave, insieme al microbiota intestinale, per stilare una perfetta dieta funzionale. 

La dieta corretta, quindi, nasce da una sinergia di dati analizzati in contemporanea: genetici, microbiologici e impedenziometrici. Ed è solo l'inizio.


Per qualsiasi dubbio o necessità contattateci

Dr.ssa Grazia Sardanu

WWW.CRN5.IT

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu


Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

PAUSA PRANZO

18.02.2020

Qualsiasi scusa è buona per "sgarrare" a dieta, ma tra tutte, quella della pausa pranzo è la più concreta. Spesso le proposte alimentari che troviamo al bar sono "junk food" e neppure così tanto invitanti. Cosa possiamo scegliere?

Gli studi scientifici sui melograni, confermano sempre più le proprietà che ha dato l'antico nome a questo frutto, ovvero "il frutto degli dei". Ecco come usarlo in cucina!