PRODOTTI BIO O IDROPONICI?

02.07.2018

Lattuga, pomodori, fragole ed erbe coltivate idroponicamente costituiscono una quota sempre crescente di prodotti esposti in molti negozi di alimentari e mercati agricoli. Ma coltivare piante in ambienti chiusi in condizioni controllate non è certo una novità. Per secoli, i coltivatori di grandi e piccole dimensioni hanno utilizzato serre e orticoltura per estendere la stagione vegetativa, creare condizioni ideali di crescita e aumentare lo spazio in crescita. Ciò che caratterizza l'idroponica è l'assenza di terreno.

Invece di attingere acqua e sostanze nutritive dal terreno, i prodotti idroponici vengono coltivati ​​con le radici immerse in acqua fortificata con nutrienti. L'aeroponica, invece, è un metodo correlato in cui le radici pendono nell'aria e sono regolarmente nebulizzate con acqua e sostanze nutritive.

Uno dei vantaggi dell'agricoltura idroponica è quello di consentire la coltivazione di grandi quantità di prodotti su un terreno relativamente piccolo e in luoghi in cui l'agricoltura tradizionale sarebbe insostenibile, come i centri urbani, o limitata dalla geografia e dalle intemperie, Alaska compresa. I coltivatori idroponici aiutano a soddisfare la domanda di prodotti locali in zone non adatte all'agricoltura tradizionale. Ma anche nelle regioni agricole dove la pioggia e il sole sono abbondanti, tempeste, ondate di calore e congelamenti imprevisti possono causare perdite di raccolto imprevedibili e costose, a cui gli agricoltori al chiuso sono in gran parte immuni.

Assenza di pesticidi ed erbicidi è indubbiamente un loro punto forte.  Le colture idroponiche sono meno sensibili alle erbe infestanti, agli insetti e ad altri parassiti, il che significa che le piante possono essere prodotte senza diserbanti e pesticidi.

Tutto ciò ha reso l'idroponica uno dei settori in più rapida crescita del settore agricolo, con i coltivatori più tradizionali che investono in idroponica come complemento di operazioni esistenti o di passaggio totale.

Un altro vantaggio potenziale dell'agricoltura idroponica è il grado di controllo che il coltivatore ha sulle condizioni a cui sono esposte le piante, sulla capacità di replicazione e sulla produzione di risultati migliori.

Tuttavia, non tutte le piante rispondono altrettanto bene alle condizioni di crescita idroponica, almeno con la tecnologia attuale. Al momento, i prodotti in commercio con questa tecnica di coltivazione sono: lattuga e altre verdure a foglia verde, erbe, pomodori, peperoni, cetrioli e fragole.

Le operazioni idroponiche, che utilizzano spesso sofisticati sistemi di riciclaggio dell'acqua, possono utilizzare fino al 90% in meno di acqua rispetto all'agricoltura tradizionale, a seconda della posizione. Mentre le fattorie tradizionali nelle zone soggette a stress idrico fanno affidamento sull'irrigazione e utilizzano molta più acqua rispetto all'idroponica, altre aree traggono gran parte della loro acqua dalla pioggia.

Alcuni coltivatori idroponici si affidano anche alle lampade elettriche per la crescita anziché al sole. Ciò consente ai coltivatori di estendere artificialmente la lunghezza del giorno e di manipolare le lunghezze d'onda della luce per aumentare la resa e la produttività tutto l'anno. Ma questo dipende dal fattore produttivo aziendale e quindi da quanto intensiva debba essere.

Non dover lavorare e arare i campi può ridurre non solo i costi di manutenzione delle coltivazioni, ma anche la quantità di gas serra associati alla produzione di colture. Tuttavia, l'impatto di CO2complessivo di un alimento dipende da fattori aggiuntivi, come la distanza che viene trasportata dopo il raccolto, il che complica il confronto dell'impatto ambientale tra colture idroponiche e coltivate nel terreno. Per questo motivo non sempre risponde ai canoni "chilometro zero".

Idroponica e valori nutrizionali

Confrontando il contenuto nutrizionale di prodotti idroponici e prodotti dal terreno è difficile perchè il confronto diretto è limitata. Infatti, sia gli agricoltori tradizionali che quelli idroponici possono influenzare il contenuto nutrizionale dei prodotti aggiungendo sostanze nutritive al terreno o al terreno di coltura. Ma la composizione nutrizionale di un frutto o di un vegetale dipende anche dalla particolare coltivazioni o varietà, dal grado di maturazione al momento del raccolto e dal periodo di conservazione dopo il raccolto.

Con l'idroponica, non c'è pericolo che le piante assorbano metalli pesanti che potrebbero trovarsi nel terreno. D'altra parte, coltivare verdure nel terreno può produrre benefici che non comprendiamo ancora pienamente. Per esempio, i prodotti crudi possono essere una fonte di batteri probiotici benefici del suolo. Sebbene non sia ancora chiaro fino a che punto questo possa essere replicato, si stanno sperimentando tecniche che promuovono un microbioma sano e diversificato.

Sole e fattori antiossidanti

Il sole e il suolo non sono essenziali per un buon sapore. I fattori che influenzano il sapore - compresa la temperatura dell'aria, l'umidità, la quantità e lo spettro cromatico della disponibilità di luce- nutrienti e dell'umidità - possono essere controllati con precisione e replicati in modo più affidabile in un ambiente idroponico .

Come nel contenuto di nutrienti, il sapore del prodotto dipende dalla varietà e dalla freschezza, oltre che dalle condizioni di crescita. Con questa tecnica è possibile allevare per sapore, consistenza e fattori nutrizionali, invece di concentrarsi sulla selezione genetica di resistenza alla muffa, resistenza ai parassiti o durata di conservazione. In questo modo si immetteranno in commercio prodotti sempre più freschi e liberi da sostanze chimiche. Ma i prodotti idroponici in un droghiere locale non sono necessariamente coltivati ​​localmente. Sebbene l'idroponica permetta di coltivare frutta e verdura ovunque, i maggiori coltivatori idroponici non sono italiani. Peccato!

Il dibattito sul Bio

Poiché frutta ed ortaggi coltivati ​​idroponicamente possono essere prodotti senza l'uso di pesticidi o erbicidi, molti coltivatori idroponici perseguono la certificazione biologica, che consente di vendere i prodotti a un prezzo più alto. Questo, a discapito degli agricoltori tradizionali di prodotti biologici che, in Italia sono in aumento ma che, per onestà professionale, devo ammettere che vengono comunque ammessi livelli bassi di pesticidi o erbicidi. Ecco perché, il consumatore informato, sceglierà sempre più prodotti idroponici. I sostenitori dell'idroponica organica sostengono che i sistemi idroponici sono allineati con i principi di conservazione e armonia ambientale delineati nella Legge sulla produzione di alimenti biologici del 1990. Considerano quindi anche le nuove tecnologie, come l'idroponica, essenziali per soddisfare la domanda di sostanze organiche. Nel 2010, il National Organic Boards, o NOSB, un comitato consultivo federale, ha presentato una petizione al Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti per rendere le verdure coltivate idroponicamente non idonee per la certificazione biologica, una raccomandazione che l'USDA ha finora rifiutato di adottare. Del resto, anche se veritiera, creerebbe un crollo alle vendite di prodotti biologici esistenti.

Nell'aprile 2017, il NOSB ha convocato e discusso le potenziali raccomandazioni che avrebbe fornito all'USDA per la certificazione biologica dei sistemi idroponici. Non sono state prese decisioni e la sottocommissione sulle colture svilupperà una proposta su questo argomento per un incontro in autunno.

Insomma, proprio ora che i nostri prodotti italiani iniziavano ad adottare termini come Biologico e Biodinamico, è già iniziata una nuova era, che di nuovo non ha poi molto!


Dr.ssa Grazia Sardanu

Copyright © CRN5.it della Dr.ssa Grazia Sardanu

Ultimi post nel nostro blog

Leggi le novità di questa settimana
 

Non è una novità sentire due persone seguire la stessa dieta ma il risultato lo ottiene solo una delle due. Perché? Perché ciascun corpo ha reazioni diverse. Perfino lo stesso corpo, in momenti diversi della vita ha reazioni diverse.

Sono in drastico aumento i casi di diabete pediatrico. Dal 2011, da quando mi occupo a livello internazionale di problematiche diabetologiche, tecniche e nuove terapie, sono cambiate poche cose nella nostra penisola rispetto al resto del mondo. In Italia, la gestione del soggetto diabetico avviene per la maggior parte dei casi ancora con insulina...